Vai al contenuto

Intervista al duo Musikè

Ed eccoci qua con un duo che in queste ultime settimane ha attirato l’attenzione, non solo dei social, ma anche della stampa, che ha saputo ben recepire il progetto di questo duo pop lirico…ma andiamo a conoscere meglio i due ragazzi…

1) Benvenuti innanzitutto, per prima cosa chiedo ad entrambi di presentarvi…come vi siete conosciuti, da dove è nata l’idea per un progetto che potremmo definire crossover…

Siamo Simone Mastragostino (tenore di 23 anni, da Firenze) e Silvia Lo Giudice (soprano di 25 anni, da Roma): entrambi studenti al conservatorio, ci siamo conosciuti ad un concorso a Sanremo, dove partecipavamo singolarmente. Vincemmo in ex equo e decidemmo così di provare ad unire le forze per creare un duo pop-lirico. La passione per il canto, per la musica e l’amicizia hanno reso il nostro rapporto professionale molto belo e divertente. Siamo felici di poter collaborare in questo nostro percorso musicale.

2) La vostra passione per la musica lirica accomuna non solo la vostra formazione musicale, ma anche forse la volontà di riportare in auge un genere classico, arrivando però anche alle nuove generazioni….

Senza dubbio la caratterista interessante della pop-lirica è che può abbracciare un vasto pubblico, perché rievoca il musicare classicheggiante, mantenendo però la modernità della musica pop: insomma è un interessante incontro tra i due generi, che può appunto arrivare anche alle nuove generazioni, facendole avvicinare, di riflesso, anche alla musica classica… e questo è molto importante a nostro avviso.

3) A proposito di quanto vi ho chiesto nella precedente domanda, sembra che, ultimamente, nel panorama anche mainstream italiano, sia riservato un ampio spazio alla musica lirica, testimonianza ne è il grande successo del Volo, ma anche l’ultimo vincitore di amici…tuttavia se andiamo indietro nel tempo lo stesso Andrea Bocelli, con la sua partecipazione a Sanremo, aveva portato la lirica in un festival di musica leggera….Cosa pensate a riguardo?

Pensiamo che sia un’ottima cosa, proprio perché questo movimento musicale ci riporta indirettamente alla musica classica e ci ricorda quanto sia bello non solo ascoltarla, ma anche conoscerla e approfondirla.

4) Il vostro ultimo progetto è la rivisitazione di un celebre brano di Adriano Celentano, scritto dal grande autore Mogol, che sensazione si prova nel confrontarsi con questi grandi artisti?

Beh… che dire? È sempre una grande emozione cimentarsi su brani di artisti che hanno segnato la stria della musica italiana. Ed è anche una grossa responsabilità: non è facile rivisitare brani di questo calibro e render loro onore, ma è una sfida. E siamo felici e onorati di poterci provare.

5) Si può ben dire che il trampolino di lancio del vostro successo sia stata la vittoria al prestigioso premio Nilla Pizzi,che vi ha poi permesso di realizzare questa fortunata cover…Ricordiamo, infatti, che l’organizzatore dell’evento è il noto produttore musicale Vincenzo Camporeale, presente anche nel video “Dormi amore”

Senza dubbio il Premio è stata l’esperienza più bella che abbiamo vissuto artisticamente e non solo. Abbiamo gareggiato con tanti notevoli concorrenti, con i quali sono nati bellissimi rapporti, e abbiamo avuto la fortuna di conoscere, appunto, il nostro professionale e ci ha immesso in questo bellissimo percorso musicale. Per non parlare poi dei tanti nomi importanti presenti nella giuria (e non solo) e poi, della splendida locatlon (il Grand Hotel di Salsomaggiore Terme).

6) Vincenzo Camporeale, fondatore dell’etichetta milanese Stay Record, ha curato l’arrangiamento della cover di Dormi Amore”, dando un contributo fondamentale alla realizzazione finale del brano…com’è avvenuto l’incontro e poi la decisione di collaborare con lui?

L’incontro è avvenuto proprio al Premio Nila Pizzi. Decidemmo di collaborare con lui per la realizzazione di un inedito per la partecipazione al concorso: questo inedito sarebbe stato “Guardo il cielo”, il nostro primo singolo uscito. La stima e la simpatia reciproca sono nati fin da subito: questo ci ha permesso e ci permette di lavorare davvero bene insieme. Da lì in poi è nata la collaborazione, dettata da belle aspettative e belle soddisfazioni. Ne siamo davvero entusiasti. E pensare che siamo stati gli ultimi a iscriverci. Mai avremmo pensato di riuscire ad arrivare primi. È stato magnifico!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: